Unione Sarda: Sergio Zuncheddu in assemblea con i giornalisti

“Momento difficile”, 13 prepensionamenti, 4 nuove assunzioni

Si rafforza il direttore Muroni a capo di Radiolina e del Web

 

Cagliari 26 gennaio – L’editore de L’Unione Sarda Sergio Zuncheddu (62 anni, imprenditore immobiliare con interessi nazionali ed esteri), si è presentato davanti ai giornalisti del più diffuso quotidiano sardo per annunciare che “la situazione finanziaria è difficile”, che “calano le vendite insieme ai ricavi pubblicitari” e che verranno fatti 13 prepensionamenti “concordati col comitato di redazione” ma anche “quattro assunzioni a tempo indeterminato”. Ha anche rimarcato che “la situazione patrimoniale è solida con 41 milioni di patrimonio netto”. A sedici anni dall’acquisto del più diffuso quotidiano sardo, Zuncheddu ha convocato i redattori al primo piano della nuova sede di Santa Gilla a Cagliari anche per riconoscere “la buona qualità del giornale che state facendo”. Ha poi annunciato che il direttore del giornale, Antony Muroni (42 anni, in carica da 600 giorni, dal 10 giugno 2013), triplica visto che da oggi è a capo anche del sito web e di Radiolina. Non solo: l’editore prevede “il bilancio in pareggio per il prossimo anno” e ha annunciato investimenti multimediali per i prossimi due anni pari a 500 mila euro. Ha poi detto che i giornalisti avranno “nuove dotazioni tecnologiche”: E le quattro nuove assunzioni? Non si conoscono dettagli ma si dovrebbe trattare della definitiva assunzione di “quattro collaboratori precari storici”.

Videolina – L’editore ha confermato nella direzione dell’emittente televisiva Emanuele Dessì (che retrocede a condirettore del sito Web, affidato a Muroni, anche perché il sito è logicamente più adatto alla gestione quotidiana da parte dei professionisti de L’Unione). Diventa vicedirettore di Videolina Simona de Francisci (dopo essere stata assessore regionale alla Sanità nella giunta guidata da Ugo Cappellacci).

Nuovo clima – La presenza dell’editore all’assemblea generale della redazione è stata commentata positivamente dai giornalisti. Non avveniva dalla data dell’acquisto del più diffuso quotidiano sardo (1999) dopo il crack dell’ex editore Nicola Grauso. Zuncheddu si è presentato in abito grigio antracite, giacca a tre bottoni, cravatta blu notte. Dopo l’intervento di Muroni ha esordito dicendo: “Dove eravamo rimasti quindici anni fa?”. Ha parlato per circa venti minuti e ha concluso con l’invito ad “andare insieme”. Il direttore Muroni ha sottolineato l’impegno “collettivo” dei giornalisti per “conquistare nuovi lettori e fare un giornale che rispetti la completezza dell’informazione”. Alcuni cronisti, nella piazzetta Unione Sarda, alla fine dell’incontro, hanno commentato: “C’è un clima nuovo, pur in mezzo a obiettive difficoltà”. Da alcune fonti (solitamente bene informate) si è appreso che Muroni avrà “nuove responsabilità dirigenziali” sia “per la tipografia che per la diffusione”.

Posted by Redazione

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *