Il Consiglio di Amministrazione della Banca di Sassari S.p.a. presieduto da Ivano Spallanzani ha approvato i risultati preliminari di bilancio al 31 dicembre 2014.
Si tratta di risultati preliminari (nelle more della presentazione del progetto di Bilancio) in seguito all’entrata in vigore, nel corso del 2014, delle segnalazioni statistiche e prudenziali di vigilanza armonizzate, richieste dall’Autorità Bancaria Europea (EBA), in forza delle quali le banche vigilate direttamente dalla Banca Centrale Europea (come il Gruppo BpER, del quale la Banca fa parte) devono produrre la relativa base dati al 31 dicembre 2014 entro I’11 febbraio 2015.
Tale informativa verrà trasfusa nel Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2014, la cui approvazione è aIl’Ordine del Giorno della seduta del C.d.A. del prossimo 27 febbraio 2015.
Il conto economico presenta al 31 dicembre 2014 un utile netto di 4,0 milioni di Euro, in linea con il risultato del precedente esercizio 2013.
La raccolta diretta da clientela ordinaria – inclusi i pronti contro termine – registra una crescita del 2,36% rispetto al dato registrato alla chiusura dello scorso esercizio, attestandosi a 1.407, milioni di euro (erano 1.375,3 milioni al 31 dicembre 2013), mentre la raccolta indiretta migliora del 13,21% e si porta a 443,8 milioni, rispetto ai 392,0 rilevati alla fine dello scorso anno. Di conseguenza, la raccolta globale da clientela si attesta a 1.851,5 milioni di euro rispetto ai 1.767,3 milioni del dicembre 2013 (+4,76%).
Gli impieghi a favore della clientela ordinaria, al netto dei dubbi esiti, raggiungono i 1.270,2 milioni di euro e si confermano sugli stessi valori del 2013 (1.271,9 milioni di euro; -0,14%). La tenuta dello stock degli impieghi, nonostante la profonda e prolungata crisi del nostro territorio, è la conferma della consolidata politica di sostegno della Banca alle attività delle imprese Iocali e alle famiglie.
L’andamento reddituale mostra una dinamica positiva sia del margine di interesse che del margine di intermediazione: il margine di interesse passa dai 51,7 milioni del dicembre 2013 agli attuali 52,0 milioni, con una variazione percentuale dello 0,69%, mentre il margine di intermediazione complessivo passa dai 96,3 milioni di euro di fine 2013 agli attuali 97,8 milioni, registrando un miglioramento dell’1,56%.
Nel complesso, l’aggregato dei Costi Operativi si incrementa per 2,2 milioni (da 69,7 a 71,9 milioni di Euro), pari al 3,10%, peraltro nel pleno rispetto della previsione di budget.
L’incidenza degli accantonamenti netti per deterioramento di crediti al dicembre 2014 si incrementa fino a 20,8 milioni di euro, rispetto ai 18,5 milioni dello scorso anno (+12,76%); per diretta conseguenza, il rapporto di copertura dei crediti deteriorati migliora fino al 43,41%, rispetto al 40,96% di fine 2013.
Il risultato netto della gestione finanziaria si attesta a 77,4 milioni di euro e progredisce dell’1,78% rispetto ai 76,1 milioni dell’esercizio 2013. Il risultato lordo della gestione giunge, pertanto, a 5,5 milioni di euro a fronte dei 6,3 milioni del dicembre 2013, pari a -0,8 milioni in valore assoluto.
L’onere per imposte si attesta a 1,5 milioni di euro, fissando il tax rate al 27,54%.

Spallanzani: un risultato estremanente positivo
E’ un risultato estremamente positivo, sottolinea il Presidente della Banca di Sassari, dott. Ivano Spallanzani, ancora una volta ottenuto grazie al forte legame della Banca con la propria clientela in an contesto economico caratterizzato dal perdarare di ana preoccapante e difficile situazione del territorio. Tattavia la Banca, grazie al presidio della propria rete, registra una significativa crescita nel comparto della raccolta (sia diretta che indiretta) e mantiene stabile lo stock degli impieghi, dove risulta apprezzabile l’incremento del comparto dei mutui (+2 %) pari al 60,2% dell’intero portafoglio, registrando altresi un segno positivo sul totale degli impieghi lordi (+1%).
Tali risaltati costitaiscono per noi motivo d’orgoglio e soddisfazione in quanto il loro valore non è esclasivamente numerico, ma rappresenta in modo significativo la capacita della Banca di Sassari di continuare ad assicarare il proprio sostegno finanziario alle piccole e medie imprese locali, agli artigiani e alle famiglie.

Posted by Redazione

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *