darfur“Ruanda e Darfur, crimini contro l’umanità” è il titolo del dibattito organizzato dall’associazione culturale Sardonia in collaborazione con la Cgil venerdì 4 dicembre dalle 16 nella sala riunioni della Camera del Lavoro Cgil di Cagliari in viale Monastir 17.

L’iniziativa si inserisce nel progetto “Our Genocides – Il viaggio nella memoria”, ideato dal fotografo Giulio Barrocu e patrocinato dal Comune di Cagliari con l’obiettivo di informare, sensibilizzare e rendere testimonianza del dramma degli stermini di massa avvenuti nel corso della storia, con dibattiti e approfondimenti.

Al dibattito del 4 dicembre, che affronterà il tema dei diritti umani negati nei vent’anni anni di conflitti che hanno interessato la regione del Ruanda, del Ciad e del Darfur, interverranno: Isabella Soi, ricercatrice dell’università di Cagliari, Pina Garau, medico cooperante in Ciad e Darfur, Silvana Cappuccio, del dipartimento internazionale Cgil. Nel corso del dibattito verrà proposto anche un reading tratto da un reportage in Ciad di Stefano Giancola.

Il progetto “Our Genocides – Il viaggio nella memoria” è articolato in tre fasi. Nella prima, da maggio scorso a dicembre, si svolgono dieci iniziative, dibattiti, reading e lezioni di storia. La seconda porterà alla realizzazione, a gennaio 2016 al Lazzaretto di Cagliari, di una mostra con dieci installazioni realizzate dal fotografo Giulio Barrocu dove fotografia, scultura e disegno dialogheranno in un’unica opera. Le opere prevedono il contributo artistico dello scultore Pinuccio Sciola e di dieci illustratori di fama internazionale. La terza fase vedrà la collocazione delle dieci opere in luoghi pubblici della città di Cagliari.

Informazioni www.ourgenocides.com ourgenocides@gmail.com

Seguici sui social: Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin: Ourgenocides

E’ attiva la campagna fondi “Il vuoto a non perdere” per supportare il progetto Our Genocides il viaggio nella memoria: http://buonacausa.org/cause/ourgenocides

Posted by Redazione

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *