cocossugoodCol titolo “I professionisti per Natale” e con l’occhiello “Da Rozzano a Sassari” il manifesto ha pubblicato oggi in prima pagina, di taglio basso, un commento di Costantino Cossu, caposervizio della Cultura de La Nuova Sardegna. L’articolo di Cossu (nella foto) è stato proposto anche durante la trasmissione Prima Pagina, su Radio3, condotta questa settimana dalla giornalista Concita De Gregorio di La Repubblica. Con l’autorizzazione dell’autore Sardinews lo propone ai propri lettori.

E’ il cuore di Sassari, San Donato. Il cuore più antico e anche quello più contemporaneo. Un quartiere popolare e povero, dove da almeno vent’anni migranti che arrivano da ogni parte del mondo trovano accoglienza: una casa, quasi sempre un lavoro, una scuola. Probabilmente una delle aree urbane più multietniche d’Italia. Le maestre e i maestri delle elementari di San Donato hanno deciso tutti insieme, senza neppure un voto contrario nel consiglio dei docenti, di respingere la richiesta del vescovo Paolo Atzei di fare visita alla scuola per Natale. Lo hanno fatto perché tra i 250 alunni che siedono sui banchi di quelle aule solo poco più della metà sono cattolici: 128. Gli altri 122 sono arabi e africani di varie nazionalità, rom, cinesi, cingalesi, pakistani, filippini. Per far dialogare tra loro culture e religioni differenti, fanno da anni un lavoro straordinario le maestre e i maestri di San Donato. Il vescovo dovrebbe capirlo da solo che la sua presenza nelle aule per Natale rischia di rompere il delicato equilibrio costruito in quella scuola. Un luogo dove ai bambini viene insegnato che le religioni sono tutte uguali, perché questo è il compito di una scuola pubblica, laica come laico è lo stato ordinato dalla Costituzione repubblicana. Bisogna capirlo, questo. Ma non tutti i cattolici, non tutta la chiesa ci riescono. Lo dimostra l’episodio di Sassari ma anche quello del dirigente scolastico di Rozzano che non ha voluto allestire il presepe e s’è dovuto dimettere. Il vescovo Atzei e il segretario generale della Cei Nunzio Galantino vogliono davvero intrupparsi con Salvini, che ieri s’è presentato nella scuola di Rozzano con un presepe insieme a La Russa che agitava il tricolore? “Dove lo Stato è confessionale e la Chiesa è politica la libertà è impossibile”, scriveva un secolo e mezzo fa Giovanni Bovio, pensatore laico e repubblicano. Purtroppo il suo monito resta attualissimo.

Posted by Redazione

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *