I giovani studenti sardi partecipanti al progetto “Quarto Anno Liceale d’Eccellenza” promosso dall’Associazione Rondine Cittadella della Pace tornano in Sardegna per condividere i primi mesi della loro esperienza presso il borgo toscano. “Quarto Anno On Stage: Le Rondinelle che fanno Primavera” è il primo evento di ricaduta sociale sul territorio sardo del progetto promosso da Rondine in collaborazione con la Fondazione Banco di Sardegna. L’iniziativa, aperta alla cittadinanza, si terrà lunedì 21 dicembre, alle ore 16.30, preso la sala convegni della Fondazione Banco di Sardegna, in via San Salvatore da Horta 2, a Cagliari. Nell’occasione interverranno il presidente della Fondazione Antonello Cabras, il presidente di Rondine Cittadella della Pace Franco Vaccari e i tre studenti sardi sostenuti da Fondazione Banco di Sardegna insieme alle loro famiglie e ai docenti referenti di ciascun istituto di appartenenza: Corrado Carboni di Alghero, Tiziana Ledda da Sassari e Maria Giovanna Corrias da Nuoro. Insieme a loro la quarta studentessa sarda, Veronica Pinna, di Cagliari, il cui percorso è sostenuto da Fondazione CON IL SUD come quello dialtri giovani del Mezzogiorno candidati da organizzazioni non profit che operano sui territori di provenienza dei ragazzi, dove saranno realizzate attività capaci di generare valore sociale. All’incontro saranno presenti anche i rappresentanti delle associazioni di riferimento Pro.me.sa e Acli Cagliari.

Sarà questa l’occasione per ascoltare le testimonianze dei ragazzi e apprezzare da vicino il valore del progetto, i progressi e i cambiamenti in atto che portano ogni giorno gli studenti a compiere un processo di maturazione all’interno della Cittadella della Pace, a stretto contatto con i giovani dello Studentato Internazionale, provenienti da luoghi in conflitto delle zone più calde del mondo che hanno scelto di impegnarsi e lavorare per la costruzione della pace. Un momento di restituzione importante in vista del ritorno degli studenti nelle differenti realtà di appartenenza, dove porteranno una nuova prospettiva per tutta la comunità.

Il Quarto Anno a Rondine è riconosciuto dal ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca come percorso di sperimentazione per l’innovazione didattica ed è stato realizzato grazie al sostegno di Fondazione Vodafone Italia. Un’opportunità educativa, formativa e di studio rivolta a giovani talentuosi e meritevoli di tutta Italia, provenienti dai licei classico, scientifico e delle Scienze umane che hanno la possibilità di frequentare un anno di scuola a Rondine Cittadella della Pace, borgo medievale in provincia di Arezzo. Un percorso che mette al centro la persona, la conoscenza di se stessi, la comprensione del mondo e la possibilità di incidere sulla società del futuro attraverso lo sviluppo delle proprie qualità umane e capacità professionali.
La scuola del Quarto Anno Rondine è un modello didattico unico e innovativo che coniuga l’avanguardia tecnologica, tramite l’uso del digitale a supporto del percorso di studio, con il metodo formativo di Rondine, che da anni lavora sulla trasformazione del conflitto e sulla crescita emotiva e relazionale del giovane.
Molto più di un anno all’estero, il Quarto Anno Rondine è una scuola interattiva capace di mettere in comunicazione diversi paesi e culture, dove è possibile fare il giro del mondo in 365 giorni grazie all’interazione con i giovani dello Studentato Internazionale di Rondine.
Numerosi inoltre i partner che hanno supportato la partecipazione degli studenti al percorso. Oltre alla Fondazione Banco di Sardegna e allaFondazione CON IL SUD, Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Compagnia San Paolo, Banca Popolare di Cortona, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, l’azienda Aboca, l’ARS (Assemblea Regionale Sicilia), insieme all’associazione Fly for Peace, la Regione Marche insieme alla Fondazione Pio Sodalizi dei Piceni e l’Arcidiocesi di Trento. A garanzia della qualità della didattica, inoltre le case editrici Loescher e Zanichelli hanno messo a disposizione gratuitamente la fornitura dei libri scolastici mentre grazie alla collaborazione con il Gruppo Spaggiari, il progetto potrà usufruire del registro elettronico.

Posted by Redazione

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *